.
Annunci online

stefanosoro
parliamone...
13 marzo 2008
Nel Ppe non c'è posto per i fascisti

Il caso Ciarrapico arriva anche a Bruxelles. E' il presidente dell'Eurogruppo del Ppe e premier lussemburghese, John Claude Juncker, a commentare la vicenda. «Non conosco questo signore - ha detto Juncker riferendosi a Ciarrapico - non so se si dichiara davvero fascista, ma posso dire che nel Partito popolare europeo non c'è posto per i fascisti».




permalink | inviato da stefanosoro il 13/3/2008 alle 15:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
11 marzo 2008
Piccole incongruenze

Gianfranco Fini (leader An) il 25 febbraio 2008:

«Il Pdl al governo darà corso a una politica delle espulsioni più rigorosa rispetto al passato. Altrimenti rischiamo di essere l'anello debole nell'Unione Europea»
. Il leader di An ha rivendicato la bontà della legge sull'immigrazione varata dal governo Berlusconi e ha assicurato che «cercheremo di rendere la legge ancora più credibile con rapporti bilaterali più stretti con i Paesi che non hanno un accordo con noi».


Notizia di ieri, 11 marzo 2008:

Souad Sbai scende in campo col Pdl

"Ho deciso, scenderò in campo con il Popolo delle Libertà e sarò candidata alla Camera per le prossime elezioni politiche del 13 aprile". Lo ha annunciato la presidente dell'associazione delle Donne marocchine in Italia (Acmid-Donna), Souad Sbai.
Dopo aver ricevuto la proposta da parte di Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini, la Sbai ha firmato questa mattina la sua candidatura in via della Scrofa per la Regione Puglia. Alla firma erano presenti Fini e Maurizio Gasparri. "L'obiettivo principale di questa mia discesa in campo è quello di lavorare per una vera integrazione degli immigrati in Italia - ci dice -. Dobbiamo dare la possibilità di poter diventare italiani a quelli che sono già qui, lavorano onestamente e hanno la volontà di integrarsi".





permalink | inviato da stefanosoro il 11/3/2008 alle 9:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
20 settembre 2007
Io difendo Mazza. Ecco perchè

 POLITICA  20.09.2007 09.32

E' vero, quello di Mazza è stato un editoriale shock«E se uno sparasse?» ha detto il direttore del Tg2. E' vero, forse ha esagerato, i suoi toni sono stati eccessivi, però ha ragione. 

«Lo abbiamo sentito anche adesso, va avanti a colpi di insulti, di accuse pesantissime, di male parole. E’ il fenomeno Beppe Grillo, non a caso iniziato con un colossale “Vaffa”...», ha esordito Mazza. Ma cosa accadrebbe se un giorno all’improvviso, un pazzo, uno squilibrato, ascoltate quelle accuse contro Tizio o Caio, all’improvviso, in un brutto mattino, premesse il grilletto?». Un'affermazione forte quella del direttore del Tg2. Ha fatto discutere, ha addirittura spaccato in due Alleanza Nazionale.

Un'affermazione molto forte, ma che rende l'idea. Il fenomeno Beppe Grillo, insomma, può portare a premere il grilletto? Secondo me, si. Perchè la politica - se così vogliamo chiamarla - di Grillo è fatta solo di insulti e, a volte, di stupidaggini. Anche perchè uno che attacca D'Alema per la barca e urla a tutti "w l'ambiente" e poi lo vedi in mare con la sua bella barchetta, non è credibile.

Potrei dire tante altre cose, ma ora mi sento di affermare solo questo: Grillo, torna a fare il comico!





permalink | inviato da stefanosoro il 20/9/2007 alle 9:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
20 settembre 2007
Una maggioranza troppo fragile

 POLITICA  10.09.2007 09.12

Non è certamente un rientro facile per Romano Prodi e la sua fragile maggioranza. Dopo la pausa estiva, il governo dovrà affrontare un autunno molto caldo, tra dibattiti sulla finanziaria e scontento sociale, in una posizione di debolezza. Secondo un sondaggio pubblicato il 10 settembre dal Corriere della Sera, il 68% degli italiani ha un'opinione negativa sull'operato del governo, rispetto al 57% di giugno. Nel frattempo, almeno una questione sembrava essere risolta: il 23 luglio i tre grandi sindacati italiani avevano firmato il protocollo d'intesa sulla riforma delle pensioni. Invece il cosiddetto pacchetto sul welfare, che contiene un innalzamento progressivo dell'età pensionabile, è stato respinto dalla Fiom, il sindacato dei metalmeccanici.

A rendere ancora più fragile la maggioranza, l'uscita di scena di Lamberto Dini che, assieme ad altri suoi fedelissimi, ha deciso di lasciare il Partito Democratico. Ma, proprio per questo, tutta la maggioranza potrà risentirne...Soprattutto al Senato...

Dove il Governo già oggi è a rischio per il voto sulla Rai, anche se all'ultimo momento è arrivato l'accordo tra l'Udeur e il resto della maggioranza. «Le ampie rassicurazioni avute dal Governo sull’azzeramento del Cda Rai, anche se legate al piano industriale, consentono l’appoggio dei Popolari-Udeur alla risoluzione della maggioranza che sarà presentata nel dibattito previsto al Senato»,annuncia Tommaso Barbato, capogruppo del Campanile a Palazzo Madama.





permalink | inviato da stefanosoro il 20/9/2007 alle 9:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
19 settembre 2007
«Le tasse non piacciono, lo insegna la storia»

 ATTUALITA'  19.09.2007 12.38

Anche il Papa non si sottrae al dibattito sulle tasse e durante l'udienza generale in piazza San Pietro ha affermato che anche nella contrarietà delle persone verso le tasse "si vede che alcuni corsi della storia non cambiano".

Il Papa ha trattato il tema della predicazione e della figura di uno dei più importanti Padri della Chiesa: San Giovanni Crisostomo, vissuto nel terzo secolo dopo Cristo. Parlando della figura del Santo, il Papa si è concentratro sulle omelie svolte dal Santo nel corso della cosiddetta rivolta delle statue, quando la popolazione romana d'Oriente prese a distruggere le effigi dell'Imperatore contro l'imposizione delle tasse. A questo punto il Papa, con una battuta, ha detto sorridendo: ''Si vede che alcune cose nella storia non cambiano...''.




permalink | inviato da stefanosoro il 19/9/2007 alle 12:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre